Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura

DIDA Tesi

La serie di pubblicazioni scientifiche DIDATesi ospita i risultati delle tesi di laurea condotte all'interno della Scuola di Architettura dell’Università di Firenze che, per l'interesse dei temi trattati, le peculiari modalità di ricerca adottate e l'originalità degli esiti conseguiti nell'ambito del progetto dell'architettura, del territorio, del paesaggio e del design, meritano di essere diffusi al di fuori delle aule universitarie.

Le tesi di laurea, che sempre meno si connotano come esercizi accademici, sviluppano in molti casi la continua sperimentazione che unisce ricerca, formazione e progetto nel Dipartimento di Architettura.
Spesso le tesi esprimono nel modo più efficace la relazione di cooperazione che il DIDA intrattiene sia con altre Università che con i territori, con le loro Associazioni, ONG, Amministrazioni, Enti ed imprese.

Le pubblicazioni scientifiche DIDATesi sono soggette ad una procedura di accettazione e valutazione qualitativa basata sul giudizio tra pari, affidata ad un apposito Comitato Scientifico del Dipartimento, secondo i criteri della comunità scientifica internazionale e dell’editore Firenze University Press. Tutte le pubblicazioni sono inoltre open access sul Web, per favorire una comunicazione e valutazione più ampia ed effettiva, aperta a tutta la comunità scientifica internazionale.

tesi pietrabona

Alessandro Merlo
Riccardo Butini
Tesi | Pietrabona
La cartiere Bocci di Pietrabona. Documentazione e valorizzazione

anno di pubblicazione: 2014
pagine: 80
formato: 24x27 cm


Con questo volume, curato da Alessandro Merlo e Riccardo Butini, si inaugura una nuova collana del DIDA dedicata alle tesi di laurea che per il valore degli esiti raggiungi meritano di essere portate all’attenzione della comunità. Il primo numero racchiude tre tesi che hanno per oggetto una cartiera dismessa da pochi anni in Pietrabuona (Pescia, PT). L’ambito dell’archeologia industriale, ed in particolare il tema della conservazione e valorizzazione degli opifici di fine Ottocento-inizio Novecento, è stato ampiamente dibattuto negli ultimi decenni, ma ancora oggi è in grado di stimolare delle riflessioni sia all’interno delle accademie che fuori dalle loro mura. Un esempio calzante è dato proprio dalla cartiera Bocci, un piccolo complesso industriale che, al fianco dei più blasonati opifici della Valleriana, ha contribuito alla fortuna internazionale dell’industria cartaria italiana, che proprio in questa valle ha riunito per secoli le sue eccellenze.

 

ISBN: 9788896080214 issuu
 
ultimo aggiornamento: 20-Set-2016
Unifi Home Page

Inizio pagina