Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura

Progettazione Urbanistica e Territoriale

Obiettivi formativi

Il progetto scientifico del curriculum si occupa dei diversi aspetti della progettazione urbanistica e territoriale con attenzione al rapporto tra pianificazione dello spazio e governo del territorio. Esplora metodologie, approcci, politiche e strumenti per l’analisi dei processi contemporanei di urbanizzazione regionale (dinamiche bioregionali, modelli policentrici, morfotipologie metropolitane e post-metropolitane) e per la costruzione di scenari strategici e di progetti di territorio, integrati e partecipati. Approfondisce inoltre tematiche ambientali con un’attenzione particolare all’ecologia del territorio e alle politiche territoriali per la sostenibilità.

Valorizza un approccio critico alla pianificazione indagando la molteplicità degli sguardi interpretativi e dei contributi scientifici in un’ottica internazionale, comparativa e integrata, che trovino adeguato adattamento nei contesti locali. Orienta il processo di formazione e apprendimento verso le metodologie della ricerca attiva sul campo, promuovendo il contatto con i diversi attori che operano nel territorio.

Approfondisce in particolare le seguenti aree di ricerca:

  • il progetto di città con riferimento ai temi dello spazio pubblico, della rigenerazione dei tessuti urbani, delle infrastrutture e dell’accessibilità, della riqualificazione dei centri storici, del ridisegno delle periferie e delle aree di frangia periurbane, del rapporto tra città pubblica e città privata;
  • il progetto di territorio e di paesaggio con riferimento al “progetto territorialista” orientato a creare valore aggiunto territoriale, attraverso forme di governo sociale della produzione di territorio, inteso come sistema vivente ad alta complessità, composto da luoghi (o regioni) dotati di identità, storia, carattere, struttura di lungo periodo;
  • Il Regional Design come approccio alla pianificazione spaziale, per indicare ambiti territoriali di area vasta entro cui definire la formazione di una vision strategica forte e condivisa, che possa rappresentare il riferimento sia per le politiche di sviluppo socio-economico che per il governo del territorio.
  • le politiche urbane e territoriali con riferimento ai seguenti ambiti di studio: gli strumenti urbanistici e strategici di intervento nella città contemporanea, la ricerca teorica e applicata nel campo della progettazione partecipata e della pianificazione interattiva; la valutazione ambientale, d'impatto e  strategica, di politiche e piani urbanistici e territoriali e dei programmi  infrastrutturali.
  • Il Critical Planning con l’intento di sviluppare una visione critica della pianificazione della città e del territorio attraverso l’esplorazione delle radici, delle teorie e delle pratiche della pianificazione, rintracciandone i paradigmi inquieti e radicali e valorizzando le tradizioni minoritarie e alternative;
  • la pianificazione per la cooperazione con i paesi del Sud del mondo con riferimento alle attività di formazione e di ricerca sul tema della trasformazione e dell'intervento delle città e dei territori del Sud, con un impegno diretto di partners universitari ed extra-universitari, italiani e stranieri, nella promozione e attuazione di progetti di cooperazione allo sviluppo.

 

Programma formativo

Obiettivi

Il programma formativo del Curriculum intende soddisfare i seguenti obiettivi:

(1)  formare giovani ricercatori in grado di confrontarsi con la comunità accademica internazionale e con le domande sociali che emergono dai contesti di vita.

(2)  costruire networks nazionali e internazionali per la formazione alla ricerca lavorando costruendo occasioni di collaborazione con altri corsi di dottorato italiani nel campo degli studi urbani e territoriali;

(3)  approfondire gli studi sulla metodologia della ricerca per la formazione dottorale con attenzione al riconoscimento e all’utilizzo sia delle convenzioni di ricerca nel campo di studi indagato, che dei ‘saperi’ consolidati (tecniche o corpi di teorie);

(4)  orientare la formazione dottorale sui problemi e sulle domande di ricerca,focalizzando l’impegno sull’analisi interdisciplinare e sulla centralità dell’utilità sociale della ricerca scientifica;

(5)  garantire l’interconnessione tra ricerca, apprendimento e azione, favorendo l’interazione tra docenti, dottorandi e domanda sociale, nella costruzione dell’offerta formativa e delle attività seminariali;

(6)  costruire rapporti tra dottorato, istituzioni pubbliche e imprese sociali e private, nell’intento di implementare il numero e la qualità delle opportunità di ricerca e di carriera lavorativa dei dottorandi in vari settori.

 

Attività

A tal fine il curriculum organizza l’offerta formativa secondo 5 tipi di attività e cicli di lezioni:

  1. ciclo di lezioni sulla metodologia della ricerca che comprende
    1. lezioni offerte dai docenti del collegio;
    2. racconti di tesi già concluse;
    3. partecipazione a corsi e seminari organizzati a livello nazionale per i corsi di dottorato in pianificazione, urbanistica e politiche territoriali;
  2. lezioni frontali per
    1. l’illustrazione dei campi di ricerca e degli approcci coltivati dai docenti del corso di dottorato;
    2. la presentazione dei frames  (progetti di ricerca attivi, opportunità di finanziamento, collaborazione con altri enti e così via) entro cui i dottorandi possano sviluppare il proprio percorso di ricerca;
  3. modulo in inglese dedicato all’approfondimento di parole chiave degli studi urbani, allo scopo diincentivare l’internazionalizzazione del Curriculum, favorire la formazione dei dottorandi stranieri e creare le condizioni per la mobilità dei dottorandi nell’ambito del programma Erasmus Plus  e di altri programmi o accordi internazionali per il 3° ciclo di formazione;
  4. seminari tematici proposti dai dottorandi nell’ambito dei propri campi di ricerca;
  5. seminari locali, nazionali o di interesse nazionale;congiunti (con altri Corsi di Dottorato);internazionali;
  6. Workshop di discussione degli stati di avanzamento delle ricerche e delle tesi di dottorato.
Referente

Prof.ssa Camilla Perrone

 

Collegio dei docenti di Curriculum



Camilla Perrone
Francesco Alberti
Leonardo Chiesi
Giuseppe De Luca
David Fanfani
Giulio Giovannoni
Valeria Lingua
Fabio Lucchesi
Giancarlo Paba
Raffaele Paloscia
Daniela Poli
Claudio Saragosa
Iacopo Zetti
Alberto Ziparo

 

 

Dottorandi

Ciclo XXVIII




Mariano Gesualdi

Stefano Reyes

Ciclo XXIX



Manuel Marin

Mohsen Melat
Ahmad Shirvani

Ciclo XXX



Andrea Alcalini
Benedetta Caprotti
Alexander Palummo

Ciclo XXXI



Antonella Granatiero
Raffaella Fucile
Chiara Agnoletti
Gino Peres Lancillotti
Massimo Parrini

 

 

 

Tracce temi d'esame

 

 
ultimo aggiornamento: 21-Feb-2016
Unifi Home Dottorato

Inizio pagina