Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura

Andrea Testi - XXXIII ciclo

immagine

Nel 2017 ho conseguito una laurea magistrale in Architettura presso il DIDA con una tesi in urbanistica sulla città brasiliana di San Paolo incentrata sull’analisi della dinamiche abitative e del rapporto tra città formale e informale. L’interesse verso l’informalità mi ha portato ad indagare in maniera più ampia gli esiti delle interazioni tra le azioni degli abitanti e la forma della città, portandomi ad approfondire i temi della partecipazione e dell’auto-organizzazione spaziale.

 

Attualmente:

Dottorando in Architettura nel curricula “Progettazione urbana e territoriale”

Cultore della materia in Analisi del territorio e degli insediamenti (Corso di Studio Scienze dell’Architettura) dall’anno 2017

Collaboratore dell’unità di ricerca “ProjECTS, Environment, Cities, Territories in the South”

 

Abstract della ricerca:

La ricerca intende inserirsi nel filone di studi che, interpretando la città come un organismo complesso, impiegano il concetto di auto-organizzazione per spiegare i processi socio-spaziali che avvengono nei sistemi urbani. All’interno di questo quadro teorico è di interesse l’analisi dei rapporti che intercorrono tra la forma fisica delle città e la sua parte immateriale, con particolare attenzione verso le esigenze e le aspirazioni di chi vi abita. L’oggetto della ricerca è quindi lo studio dei contributi spontanei – svincolati da decisioni centralizzate – alla trasformazioni urbana, nei vari contesti in cui essi sono riscontrabili (che spaziano dalle stratificazioni delle città storiche, alla città informale, agli interventi autonomi delle reti di cittadini). L’analisi è finalizzata ad ottenere una maggiore comprensione di questi interventi e delle loro potenzialità, in rapporto ai problemi riscontrabili nella realtà urbana attuale e agli strumenti di gestione del territorio attualmente in uso. Particolare attenzione è rivolta verso la ricerca di regole innovative capaci di incentivare la capacità progettuale diffusa degli abitanti e permettere l’emergere di “ordini auto-organizzati”.

 

Key words:

self-organization, urban codes, informality, participatory planning

 

 
ultimo aggiornamento: 05-Nov-2018
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Dottorato

Inizio pagina