MENU

Scuola Dottorale

352

Giuseppe Cosentino

Giuseppe Cosentino
giuseppe.cosentino(AT)unifi.it

dottorato 
Architettura

curriculum 
Progettazione Architettonica e Urbana

ciclo
XXXIII


Architetto e dottorando nel curriculum Progettazione Architettonica e Urbana.
Studia presso la Scuola di Architettura di Firenze, nel 2016 si laurea con lode e dignità di pubblicazione con la tesi dal titolo “Ut unum sint – Centro Studi per il dialogo religioso tra la Chiesa Cattolica e la Chiesa Ortodossa a Stilo”, relatore Prof. Paolo Zermani.
Dal 2016 collabora come cultore della materia nel Laboratorio di Progettazione I (prof.ssa Francesca Mugnai) e nel Laboratorio di Progettazione V (prof. Paolo Zermani) della Scuola di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze.
Dal 2017 è dottorando della Scuola di Architettura di Firenze, curriculum in Progettazione Architettonica e Urbana, XXXIII ciclo.
Prende parte alla cura scientifica e redazione del catalogo del Convegno annuale “Identità dell’Architettura Italiana”.

­­Titolo della tesi

I negozi Olivetti. Committenza, architettura e arte nel dopoguerra italiano

Tutor

Prof. Paolo Zermani

Abstract

Il progetto di ricerca ha come obiettivo lo studio del rapporto tra architettura e arte nel secondo dopoguerra italiano, focalizzandosi in particolar modo sui lavori nati da una stretta collaborazione tra committenza, architetto ed artista.
Adriano Olivetti, per l’allestimento degli showroom dei suoi negozi, chiama a sé i più importanti architetti italiani, rendendo possibile un’esperienza comune tra architetti e artisti, impegnandosi a sostenere un nuovo tipo di funzionalità tra i due ruoli, nell’ottica di una dimensione che li accomuni.
I negozi Olivetti non rappresentano infatti solo l'eccellenza italiana, ma sono anche spazi che raccontano le aspirazioni di un paese: si pensi allo showroom dei BBPR a New York, dove il sogno americano si sovrappone alla speranza del riscatto italiano negli anni della ricostruzione del secondo dopoguerra.
L'obiettivo della ricerca è dunque quello di catalogare e raccogliere le varie esperienze progettuali relative ai negozi Olivetti al fine di comprendere il significato della interazione fra le arti e i riflessi sul piano compositivo nell’architettura italiana del Novecento.

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni