Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura

Gianluca Buoncore - XXXVI ciclo

immagine

Curriculum

Progettazione architettonica e urbana


Contatti
gianluca.buoncoreATunifi.it

Dottorando in progettazione Architettonica e Urbana. Si forma presso la Scuola di Architettura dell’Università di Firenze, dove si laurea con lode discutendo una tesi in progettazione architettonica dal titolo LUX CAVAT LAPIDEM. Centro di ricerca archeologica per la religione etrusca. Dal 2018 al 2021 ha svolto presso il DIDA attività di borsista e assegnista di ricerca. Dal 2011 è collaboratore alla didattica e poi cultore della materia nel corso di progettazione architettonica del Prof. Fabio Capanni.

È membro del comitato editoriale di in_bo, rivista scientifica internazionale dell’Università di Bologna. Ha collaborato all'allestimento di mostre per la Galleria dell'Architettura Italiana e il DIDA e partecipa come capogruppo e progettista a concorsi di architettura nazionali e internazionali. 

Particolare interesse per la rappresentazione del progetto architettonico, tramite disegno e modelli tridimensionali, quali strumenti di ricerca e controllo progettuale andando ad indagare i rapporti tra comunicazione visiva e progetto architettonico.

Interessi scientifici
Si occupa di architettura sacra nel ‘900 italiano con particolare interesse ai rapporti tra forme spaziali, struttura e luce naturale.

Titolo della Tesi
L’architettura sacra in Giuseppe Vaccaro

Tutor
Prof. Fabio Capanni

Abstract
L’opera di Giuseppe Vaccaro percorre un intero cinquantennio, confrontandosi con gli stravolgimenti che il Movimento Moderno, le due Guerre Mondiali e il Concilio Vaticano II hanno portato all’architettura sacra. È possibile rintracciare alcuni elementi trasversali che ricorrono: lo studio della facciata, tra disegni marmorei e facciate d’ombra; il rapporto tra struttura e luce naturale; la pianta basilicale reinterpretata in rapporto a strutture e spazialità contemporanee; la reinterpretazione dei caratteri tipologici dell’architettura sacra italiana. A 60 anni dal Concilio Vaticano II è forse opportuno riguardare la produzione architettonica, progettata e costruita, di un architetto che vive a pieno il XX secolo cercando di tracciarne un profilo e andando a studiare elementi utili a comprendere, dal suo punto di vista, l’evoluzione dello spazio sacro relativamente a tematiche quali tipologia, rapporti spaziali, struttura, luce naturale, rapporto con la storia.

 

 

 

 
ultimo aggiornamento: 29-Apr-2021
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Dottorato

Inizio pagina