Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura
Home page > Didattica > Scuola di Dottorato > Dottorato di Architettura e progetto > Strutture e restauro dell’Architettura e del patrimonio culturale > Marta Castellini

Marta Castellini - XXXVI ciclo

Marta Castellini

Curriculum
Strutture e restauro dell'architettura e del patrimonio culturale


Contatti
marta.castelliniATunifi.it

 

Laureata in Architettura e specializzata in Beni architettonici e del paesaggio, è attualmente dottoranda nel curriculum di Strutture e restauro dell’Architettura e del patrimonio culturale, con una tesi dal titolo “La conservazione programmata applicata ai materiali. Edifici in cemento armato”. Precedentemente borsista di ricerca e cultore della materia presso il Dipartimento di Architettura, è titolare di assegno di ricerca presso l’Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale (ISPC) del CNR, nell’ambito di un progetto di ottimizzazione degli interventi di conservazione programmata, mediante lo sviluppo dell’innovazione tecnologica nel campo del monitoraggio dei fenomeni di alterazione e degrado del bene.

Interessi scientifici
Conservazione dell’architettura contemporanea, diagnostica del calcestruzzo negli edifici esistenti, monitoraggio e conservazione programmata tramite modelli predittivi.

Titolo della Tesi
La conservazione programmata applicata ai materiali. Edifici in cemento armato.

Tutor
Prof. Marco Tanganelli

Abstract
Nell’ambito della tutela e conservazione del patrimonio culturale, l’attuazione di pratiche regolamentate di conservazione programmata, è un tema ad oggi centrale e oggetto di continue sperimentazioni. La ricerca scientifica ha evidenziato una particolare difficoltà di approccio ai materiali dell’architettura moderna e contemporanea, in primis il calcestruzzo, a causa di una conoscenza non esaustiva della correlazione tra i processi di alterazione e la perdita delle prestazioni meccaniche. Il progetto si propone, perciò, di indagare il deterioramento di questo materiale, precisandone le relazioni con fattori fisici, chimici e biologici, e con i fattori ambientali legati all’esposizione del manufatto. Il quadro conoscitivo elaborato permetterà di valutare la definizione di protocolli di monitoraggio e conservazione programmata degli edifici in c.a., inserendosi in una più ampia riflessione teorica sulla conservazione e il restauro dell’architettura moderna e contemporanea.

 

 

 

 

 

 

 
ultimo aggiornamento: 15-Mar-2021
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Dottorato

Inizio pagina