Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
DIDA Dipartimento di Architettura
Home page > Didattica > Scuola di Dottorato > Dottorato di Architettura e progetto > Strutture e restauro dell’Architettura e del patrimonio culturale > Filippo Cherubini

Filippo Cherubini - XXXVI ciclo

Filippo Cherubini

Curriculum
Strutture e restauro dell'architettura e del patrimonio culturale


Contatti
filippo.cherubiniATunifi.it

 

Ha lavorato, sin dal 2005, come grafico nel campo della moda.
Dal 2012 lavora presso l’Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara” al CNR come collaboratore tecnico degli enti di ricerca.
Presso l’Università degli Studi di Firenze ha conseguito una laurea in Architettura, una specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio e un Corso di perfezionamento in Documentazione e Gestione dei Beni Culturali.
Nel 2020 è stato ammesso al corso di Dottorato in Architettura, Progetto, Conoscenza e Salvaguardia del Patrimonio Culturale con curricula “Strutture e Restauro dell’Architettura e del Patrimonio Culturale.
Attualmente lavora per il Gruppo Sabec al CNR per il quale svolge attività di supporto e ricerca nel campo dell’imaging iperspettrale con studi per applicazioni di tale metodo di analisi al patrimonio architettonico.

Interessi scientifici
I suoi interessi riguardano lo studio del colore in architettura ed il restauro urbano, per il quale ha attenuto una qualifica di “Cultore della Materia”. Presso il CNR si sta specializzando nello studio dell’imaging iperspettrale applicato al patrimonio architettonico.

Titolo della Tesi
Studio di fattibilità per l’utilizzo della camera iperspettrale specim iq nell’analisi del colore in architettura.

Tutor
Prof. Maurizio De Vita
Co-tutor
Marcello Picollo

Abstract
L’innovativa ricerca che si intende proporre è finalizzata alla verifica delle potenzialità della camera iperspettrale Specim IQ per l’acquisizione di dati spettroscopici finalizzati allo studio materico e colorimetrico di cortine edilizie applicato all’ambito del restauro del singolo edificio/monumento o a quello urbano. Si propone di definire una nuova metodologia per la misura oggettiva del colore in ambito architettonico in cui prevale un approccio soggettivo nell’acquisizione e interpretazione dei suddetti dati colorimetrici.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
ultimo aggiornamento: 31-Mar-2021
Condividi su Facebook Twitter LinkedIn
Unifi Home Dottorato

Inizio pagina